ARTICOLI

LYPRINOL

lyprinol

PERNA CANALICULARIS LYPRINOL

Regno: Animale
Divisione: Molluschi
Classe: Bivalvi
Ordine: Mitiloida
Familglia: Mitiloidae
Genere: Perna
Specie: Perna canalicula

Il Perna Canaliculus è un mollusco bivalve, simile ad una cozza ma di colore verde, tradizionalmente usato dai maori delle Nuova Zelanda per combattere le infiammazioni articolari è universalmente riconosciuto, nell’ambito della Medicina Naturale e confermato dalla mia decennale esperienza clinica il suo effetto anti infiammatorio .
Il derivato farmaceutico standardizzato conosciuto in tutto il mondo con il nome di Lyprinoil contiene :

  • Trigliceridi
  • Acidi grassi, prevalentemente polinsaturi con una quota di 40% di Omea 3 e di 5% di Omega 6. Tra questi acidi grassi i maggiormente rappresentati sono l’acido decosaexenoico, eicosapentenoico e palmitico.
  • Glucosaminogliani
  • Condroitinsulfato
  • Aminoacidi : Glutammina, Metionina
  • Vitamine : C e E
  • Minerali : Manganese, rame, Zinco

Questo prodotto naturale è di particolare interesse nella terapia delle patologie con importante componente infiammatoria questo grazie al notevole contenuto di specifici omega 3 che inibiscono il metabolismo dell’acido arachidonico e limitano la formazione di leucotrieni e prostaglandine ad effetto infiammatorio. Esperimenti sull’animale hanno dimostrato una importante capacità nel ridurre gli edemi articolari anche se spesso necessita di dosaggi elevati. Il contenuto in condroitinsulato, uno dei maggiori componenti del tessuto cartilagineo e del liquido sinoviale, giustifica il suo effetto specifico nelle problematiche infiammatorie oasteoarticolari nelle quali stimola la formazione di cartilagine. Gli effetti terapeutici positivi sono stati riscontrati sia nell’artrite reumatoide che nell’artrosi nel 40% circa dei pazienti trattati.

I leucotrieni sono sostanze infiammatorie tipicamente coinvolte nella patogenesi dell’asma. essi favoriscono la broncocostrizione ed incrementano la secrezione mucosa e la permeabilità microvascolare, favorendo l’infiltrazione delle cellule infiammatorie a livello delle vie aeree. Ebbene, il Lyprinoil, inibendo la formazione di leucotrieni, previene questa cascata infiammatoria che porta alle manifestazioni cliniche dell’asma bronchiale.
Gli estratti di perna canaliculus hanno dimostrato, in vivo, la capacità di ruidurre le contrazioni uterine sia spontanee che indotte da ossitocina e sono pertanto utili nella prevenzione e cura della dismenorrea.
Nella colite infiammatoria, anche associata a celiachia, la somministrazione continuativa di Lyprinoil ha diminuito gli indici infiammatori, ha ridotto la perdita di villi intestinali ed ha arginato la perdita di peso tipica di questi pazienti.
Si deve tener conto che l’attività inibente sulle prostaglandine di questa sostanza, se da una parte è utile nelle contrazioni uterine e nella minaccia d’aborto del primo trimestre, dall’altra ritarda lo sviluppo del feto ed allunga i tempi della gravidanza.

EFFETTI

  • Anti Allergici
  • Anti Infiammatori
  • Anti Spasmodici
  • Rigeneranti cartilaginei


INDICAZIONI TERAPEUTICHE (numero in base all’efficacia)

  • Allergia 1
  • Artrite reumatoide 3
  • Artrosi 2
  • Eczema allergico 1
  • Asma bronchiale 2
  • Patologie autoimmuni 2
  • Minaccia d’aborto del primo trimestre 1
  • Morbo celiaco 1
  • Colite 1
  • Intolleranze alimentari 1
  • Infiammazione cronica 2


PRECAUZIONI ED EFFETTI COLLATERALI

Sono riportati rarissimi effetti collaterali con l’uso anche prolungato di estratti di Perna caniculus, la maggior parte delle volte dovuti a reazioni allergiche-ipersensitive individuali IgE mediate. L’uso in gravidanza deve essere attentamente valutato per gli effetti possibili sullo sviluppo fetale .

acquista_btn

Bibliografia

Busse WW (1998). “Leukotrienes and Inflammation”. Am. J. Respir. Crit. Care Med. 157 (6): 210–213.
Cobb CS and Ernst E (2006). “Systematic review of a marine nutriceutical supplement in clinical trials for arthritis: the effectiveness of the New Zealand green-lipped mussel Perna canaliculus.”. Clin Rheumatol 25 (3): 275–284.

Follow Me!