ARTICOLI VARIO

L’autentico Significato di Postura

Ambiti di intervento della posturologia

 La Posturologia è una metodica di osservazione trans-disciplinare e dunque utilizzata da osteopati, ortopedici, otorini, dentisti, che si avvale di molteplici approcci clinici obiettivi (tests) e strumentali atti ad     un’ “analisi complessa” del o dei recettori neurologici che influenzano negativamente l’intero sistema corpo.

Nel lessico comune invece, con il termine postura dal latino positura = posizione, si suole indicare per l’appunto, la capacità del corpo di mantenere la posizione nello spazio, sottoposto alla forza di gravità ed in continuo contrasto con essa. Erroneamente inoltre, si confondono i termini “postura ed equilibrio”, ritenendoli sinonimi. In realtà si può restare in perfetto equilibrio, senza per questo assumere una postura adeguata o ergonomica, per dirla in chiave biomeccanica.
La gestione della posizione corporea è a carico del sistema neuro-muscolare e neuro-sensoriale e neuro-emozionale.
Nel loro insieme essi danno vita al sistema posturale fine (SPF).
L’attività neurologica che presiede alla funzione del SPF proviene oltremodo dagli occhi, dal vestibolo, dai piedi, dall’apparato stomatognatico e dal sistema cranio-sacrale.
Qualunque tipo di “noxa”  sia essa traumatica, degenerativa, metabolica, emozionale, può influenzare ogni regione corporea in un complesso meccanismo integrato che è proprio dei sistemi aperti come l’uomo.
Ciò conduce all’instaurarsi del concetto di causa primaria; un concetto questo, che da sempre appartiene alla lingua “osteopatese” ed in generale alle medicine biologiche.
Il posturologo, in sostanza ricerca il “danno funzionale primario” accaduto ad uno o più recettori sensoriali, tra quelli sopra citati, il quale innesca una risposta compensativa da parte non solo degli altri organi sensoriali, bensì dell’intero organismo, arrivando in ultima analisi ad un quadro sintomatico estremamente vario.
Potrebbe risultare di difficile comprensione l’inserimento delle emozioni tra i fattori disturbanti l’omeostasi corporea; in realtà il termine postura, così come espresso anche nell’etimologia, ne omette un altro fondamentale significato. L’espressione “fisica” del nostro IO, poiché la postura costituisce il compromesso tra  psiche, corpo ed emozioni; in una parola, il  “vissuto” di ognuno di noi, dalla  nascita in poi.  Nei tessuti corporei, quali muscoli e  fasce connettivali, vengono trattenute le esperienze di ognuno, i tratti caratteriali e psicologici.
Le esperienze negative psicho-affettive al pari dei traumi fisici, si manifestano palesemente sul corpo e nel corpo attraverso un complesso e vario quadro sintomatologico dolorifico e di cui spessissimo si ignora la vera causa scatenante. La postura per cui è anche o soprattutto, l’interfaccia con l’ambiente, l’esternazione del nostro IO riguardo all’ambiente circostante e ciò deve essere tenuto in considerazione dal posturologo clinico.
L’Analisi Sistemica e “non-lineare” della Postura e la sua Rieducazione offrono attualmente le migliori possibilità di contribuire a realizzare quell’armonia di psiche, corpo e spirito che realizza appieno il concetto di salute espresso dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità.
L’analisi posturale dunque mira a ricercare e risolvere le cause perturbanti l’omeostasi dell’organismo e non gli effetti.
Molte sono le manifestazioni cliniche: problemi di mantenimento dell’equilibrio, vertigini, capogiri, faticabilità muscolare, difficoltà a mantenere alcune posizioni… ma anche alterazioni posturali rilevabili mediante esame obiettivo, radiografico od elettromiografico.
Modificazioni dell’appoggio plantare, alterazioni della bocca e dei denti, disfunzioni occlusali, oculari generano significativi disadattamenti anche a distanza rispetto al recettore neurologico disfunzionale. La sfera stomatognatica si presenta con sintomi tipici tipo bruxismo o serramento dei denti che rientrano nella categorie delle parafunzioni ma anche, stress muscolari, problemi viscerali e alterazioni tissutali legate alle fasce muscolari possono essere valutate e trattate dal posturologo per quel che concerne la propria competenza o da altra figura specialistica.
Matonti Ranieri
Follow Me!