ALIMENTAZIONE E BENESSERE ARTICOLI

Integratori ed Estate

L’estate rappresenta il trionfo della luce e del sole, la stagione caratterizzata dalla vitalità, dallo stimolo e dalla crescita maturativa. Tuttavia quegli stessi raggi del sole che stimolano i processi vitali possono essere recepiti come eccessivi dall’organismo e causare infiammazione, formazione di radicali liberi ed  in ultima analisi accelerare l’invecchiamento dei tessuti. Il danno può avvenire a tutti i livelli e quindi è interessante prevenire con specifici integratori.

ASTAXANTINA e DANNO RETINICO
La luce del sole intensa e diretta danneggia notoriamente la vista dell’uomo che evolutivamente discende dai primati della foresta equatoriale, esseri viventi adatti quindi più alla penombra del sottobosco che alla luce piena degli spazi aperti. Soprattutto in estate, nei giorni di sole abbagliante, in particolare le persone con occhi azzurri o chiari sono esposte a quello stesso danno retinico che causò la cecità di Galileo Galilei. Come la vitamina D è essenziale nel periodo invernale della poca luce, per conservare la struttura di ossa e strutture organiche in generale, così la vitamina A è essenziale nel periodo estivo della luce eccessiva per proteggere cute, retina e tessuto nervoso. L’Astaxantina, il particolare tipo di vitamina A contenuto nelle alghe rosse, è l’opportuna risposta difensiva della natura nei confronti dell’eccesso di esposizione solare. Essa è uno straordinario antiossidante che, attraversando la barriera emato-encefalica, protegge non solo la cute ma anche occhi e sistema nervoso in toto. Questa vitamina, nota in passato soprattutto per i suoi benefici effetti a livello dell’apparato sessuale maschile ( per prostata e spermatozoi ) , dovrebbe essere oggi di impiego più esteso in entrambi i sessi per salvaguardare strutture organiche preziose e delicate quali la retina.

PICNOGENOLO e ANTI AGING

L’abbronzatura è oggi, contrariamente a quanto avveniva nel XVIII secolo, quando tutti facevano a gara per apparire più pallidi possibile e dimostrare quindi che non lavoravano nei campi ma oziavano nobilmente nei palazzi, segno di distinzione e di elevazione sociale. Chi è abbronzato ha potuto permettersi una vacanza al mare, il proletario è rimasto chiuso nel suo appartamento in periferia o in fabbrica per i turni. Tuttavia nulla è scontato ed innocuo e quindi l’eterno abbronzato avrà in breve una pelle avvizzita ed invecchiata. Il Picnogenolo, una miscela di bioflavoniodi che si estraggono dalla corteccia del pino marittimo francese, è un potentissimo anti ossidante capace di prevenire il danno cutaneo da sole. In realtà la corteccia del pino marittimo francese, sempre esposto ad un sole cocente oltre che alla salsedine, dà un’immagine di buona struttura e compattezza notevole. Il Picnogenolo oltre al potere anti ossidante manifesta una spiccatissima azione anti infiammatoria, antiallergica, utile nella prevenzione di eritemi, pruriti, arrossamenti cutanei. Ma non solo, l’effetto nel tempo è ancora più interessante, perché proteggendo l’integrità delle strutture elastiche della pelle e dei vasi, ne conserva la fisiologica morbidezza e vitalità. Mantenere la buona funzione delle fibre elastiche e del collagene vuol dire anche favorire la circolazione, ostacolare l’accumulo di liquidi ed il riatagno venoso-linfatico, così frequente nel periodo caldo.

Prof. Ivo BIANCHI
Medico Chirurgo – Specialista in Medicina Interna
Esperto in Medicina Integrativa

Follow Me!