ALIMENTAZIONE E BENESSERE ARTICOLI

Carne e Tumori: una connessione sempre più provata!

Da tempo è oramai noto che un massivo consumo di carni rosse sembra essere correlato ad un contestuale incremento di alcune forme tumorali.
La correlazione sembra essere spiegata dalle “nitrosammine”, pericolose sostanze coinvolte a quanto pare nell’insorgenza del carcinoma gastrico.

Uno studio recentissimo ha nuovamente evidenziato questa relazione pericolosa (Cancer. 2010 Aug 2.Meat and components of meat and the risk of bladder cancer in the NIH-AARP Diet and Health Study.Ferrucci LMSinha RWard MHGraubard BIHollenbeck ARKilfoy BASchatzkin AMichaud DSCross AJ), mentre nel marzo 2010 un altro studio (Biofactors. 2000;13(1-4):161-6.Chemistry and antioxidative factors in rosemary and sage. Ho CTWang MWei GJHuang TCHuang MT.) aveva confermato le potenzialità del rosmarino sia nell’inibire i processi ossidativi di carni conservate che nel ridurre le ammine eterocicliche.

Le ammine eterocicliche sono sostanze che si formano nel corso della cottura delle carni, e la loro produzione è attualmente indagata nelle genesi di alcune forme tumorali.
L’aggiunta di rosmarino nell’olio di oliva che abitualmente utilizziamo in cucina, o qualche rametto di questa preziosa pianta sulle carni, potrebbe rivelarsi utile nel prevenire i danni che questa pericolose sostanze producono sul corpo umano.

Fonti:

1) Food Chem Toxicol. 2003 Nov;41(11):1587-97.Influence of antioxidants in virgin olive oil on the formation of heterocyclic amines in fried beefburgers. Persson EGraziani GFerracane RFogliano VSkog K.)

Follow Me!